BODY BUILDING ITALIA  


Torna indietro   BODY BUILDING ITALIA > FORUM RELAX E DISCUSSIONI VARIE > Relax e tempo libero
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca I messaggi di oggi Segna forums come letti

Rispondi
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 08-07-2016, 11.45.33   #121
HSmoke
Body Builder di Bronzo
 
L'avatar di HSmoke
 
Data registrazione: 01-01-2013
Residenza: Torino
Messaggi: 2,438
Predefinito

anche Ronnie è over 50
HSmoke non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 04-08-2016, 11.52.24   #122
Kaamos
Moderatore
 
L'avatar di Kaamos
 
Data registrazione: 01-09-2007
Residenza: frottoland
Messaggi: 18,418
Predefinito

Classe 93.


drogata.


Citazione:


La nuotatrice russa Yuliya Efimova non sarà a Rio 2016 perché coinvolta nello scandalo doping nel suo paese


La quattro volte campionessa mondiale di nuoto, bronzo olimpico a Londra 2012, è stata squalificato per uso del Meldonium, come la tennista Sharapova.

il metabolita scoperto in Lettonia negli anni ’70 nel campo della ricerca veterinaria, si è dimostrato efficace per curare le persone affette da problemi coronarici, ulteriori studi hanno indicato che è stato anche utile per il trattamento di vari disturbi, e persino per aumentare l’appetito sessuale e la mobilità degli spermatozoi.

Kaamos non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 04-08-2016, 12.47.06   #123
taker_83
Get Big or Die Trying
 
L'avatar di taker_83
 
Data registrazione: 10-12-2007
Residenza: reggio calabria
Messaggi: 15,159
Predefinito

Mandatela in punizione in Calabria.
__________________
Moderation in bodybuilding is a vice, moderation in discipline is a failure. (Dorian Yates)

Successful individuals view mistakes as valuable tools for self-correction that motivate them to actively seek the knowledge necessary for further mastery. (Mike Mentzer)

taker_83 non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 09-08-2016, 14.58.18   #124
princip3 s3n3ca
Body Builder d' Oro
 
L'avatar di princip3 s3n3ca
 
Data registrazione: 11-06-2009
Residenza: parma
Messaggi: 14,857
Predefinito

Varese, controlli antidoping sui ciclisti 12enni .La federazione: "Mai visto niente del genere"

Un controllo a sorpresa antidoping al termine di una gara di ciclismo. Normale amministrazione nel mondo dello sport. Peccato che i destinatari degli esami fossero ragazzini di meno di 12 anni. Il caso, che ha suscitato scalpore, è accaduto in occasione di una gara di Under 12 a Tradate (Varese), e a raccontare l'accaduto è Adriano Borghetti, consigliere della Federazione ciclistica della Lombardia.

La corsa era appena finita, riferisce il "Corriere della Sera", quando in prossimità del traguardo si è presentato un medico mandato dal ministero della Salute per fare i prelievi antidoping. Aveva le carte in regola, anche se di solito queste verifiche si fanno sugli adulti. Ha chiesto di mettere sotto esame i primi quattro che avevano varcato il traguardo, dice Borghetti, che commenta: "Seguo il ciclismo da 40 anni e una cosa del genere non mi era mai capitata. Il medico aveva in mano una busta con l'intestazione del ministero. Ho chiesto delucidazioni ma la risposta è stata molto burocratica: 'Sono stato mandato qui per controlli, devo eseguire...'".

I familiari dei ragazzini hanno cominciato a chiedere spiegazioni, mentre il dirigente cercava di mantenere la calma. "Per fortuna gli organizzatori della gara avevano allestito una piccola tenda per l'assistenza medica, altrimenti mi domando cosa sarebbe successo", dice ancora Borghetti, secondo cui i test a sorpresa i medici della Federazione ciclistica li possono effettuare solo agli atleti dai 14 anni in su. Questa volta però il blitz veniva dal ministero della Salute, che tra l'altro conferma. "Quei controlli si possono effettuare a tesserati di ogni età e di ogni disciplina, a tutela della salute di chi fa sport. Sono controlli abituali, anche se sono rari per fasce di età così basse. Per fortuna fino ad oggi nessun baby atleta è risultato positivo".
__________________
Citazione:
Originalmente inviato da Kaamos Visualizza messaggio
Matrimonio, moglie, figli, lavoro e vita sociale non sono propedeutici al bodybuilding.
Il nostro consiglio è di eliminare le cause di distrazione e consacrare la tua vita a fratello acciao e sorella ghisa.
Citazione:
Originalmente inviato da Kaamos Visualizza messaggio
i responsi ad ogni post wo debbono essere necessariamente:
1) delirio di onnipotenza
2) ascesi dopaminica
3) prepotenza egomuscolare
se a fine wo non ti senti un Dio, strafottente e sprezzante dell'umanità, hai fallito.
princip3 s3n3ca non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 28-11-2016, 12.39.04   #125
Kaamos
Moderatore
 
L'avatar di Kaamos
 
Data registrazione: 01-09-2007
Residenza: frottoland
Messaggi: 18,418
Predefinito

quanti ne conosco di ciclisti della domenica con problemi d'asma... e quanti che gareggiano hanno la prescrizione "per uso terapeutico"

Citazione:
Doping ciclismo, presentata la scioccante biografia di Thomas Dekker



La copertina del libro-confessione “Thomas Dekker, mijn gevecht (la mia battaglia)”

Squalificato per doping nel 2009 (positività all’EPO) e ritiratosi definitivamente dal mondo del ciclismo professionistico nel 2015, Thomas Dekker ha deciso di svelare, attraverso la propria biografia “Thomas Dekker, mijn gevecht (la mia battaglia)”, incredibili retroscena sulla sua carriera da pro’, tra casi di doping e serate a luci rosse. Compagno di stanza del reo confesso Boogerd al team Rabobank, Dekker ha messo in luce gli scandali che a quel tempo venivano giudicati come un stile di vita naturale, con riferimenti particolari al Tour de France 2007.
In un estratto del libro, scritto con la collaborazione del giornalista olandese Thijs Zonneveld e pubblicato da AD.nl, Dekker racconta di come fosse riuscito ad ottenere Dynepo, l’EPO di seconda generazione, usato 8 volte durante quel Tour de France, e di come facesse abuso delle TUE, vale a dire delle esenzioni concesse dall’UCI per l’utilizzo di farmaci (altrimenti non autorizzati) a scopi terapeutici.
“Prendevamo cortisone ogni giorno. Il nome del prodotto era Diprofos, per il quale avevamo un certificato medico. Non volevamo nemmeno sapere per cosa fosse, si trattava di un imbroglio. Con il cortisone eri in grado di dare di più durante la gara. Inoltre, ero bello e magro: 68 kg per 1,88 m, non ero mai stato così magro prima d’ora”, scrive Dekker nel libro.
A quel tempo, infatti, l’abuso di corticosteroidi era una cosa normale, come dimostra il fatto che nel 1999, dopo un controllo antidoping che rilevò una positività al cortisone, Lance Armstrong riuscì ad ottenere un’esenzione retrodatata.
Doping ciclismo, quell’ematocrito troppo alto e le flebo d’acqua per abbassarlo

Continuando a parlare del Tour 2007, Dekker rivela altri scandali che riguardarono lui e il compagno Boogerd: “La partenza era da Londra. Noi arrivammo con una settimana di anticipo. Il giovedì prima del Tour avevamo un controllo dell’UCI. Il mio ematocrito era a 45, mentre quello di Michael era a 50. Era al limite, e dunque a rischio: un punto sopra e sarebbe caduto anche lui nella trappola dell’antidoping. I dottori del team gli consigliarono di iniettarsi ogni giorno, alle 6 di mattina, prima che i controllori bussassero alla porta, una flebo di acqua nelle vene. In questo modo l’ematocrito sarebbe sceso di due o tre punti”.
Dekker prosegue quindi raccontando di come, per rendere più vivace una serata in hotel passata a bere vino, lui e Boogerd decisero di chiamare due escort trovate su internet.
“Io e Michael restammo un po’ delusi: erano molto meno belle delle foto nel sito”.
Doping ciclismo, l’esclusione di Rasmussen dal Tour

In quel Tour, l’uomo della Rabobank che avrebbe dovuto fare classifica era Michael Rasmussen, che fin da subito cercò di comportarsi da leader durante i meeting nel pre-gara.
“Noi ancora non sapevamo che lui avesse mentito sulla sua rintracciabilità, né tantomeno che fosse dopato fino al collo, sebbene potessimo sospettarlo. Non sapevamo che i dottori gli avevano fatto delle iniezioni di Dynepo utilizzando le nostre scorte”.
“Rasmussen era l’uomo giusto, era molto bravo. Nella prima vera tappa di montagna decise di partire a 60 km dall’arrivo. Lo rivedemmo solamente al traguardo di Tignes, in maglia gialla”.

Dekker descrive quindi l’atmosfera gioiosa che si respirava all’interno del team, fin quando non venne fuori che Rasmussen aveva mentito agli agenti dell’antidoping in merito alla sua posizione prima del Tour.
“Non domandammo nulla a Rasmussen, lo rispettavamo. Era stato furbo, così come Boogerd. Penso. Aveva trovato un sistema che all’apparenza funzionava, visto che era in maglia gialla. Molto semplicemente, il doping era ovunque: sia nel nostro team che negli altri. Dynepo, cortisone, sacche di sangue, terapie endovenose e sonniferi: quando sei circondato da assurdità, inizi a pensare che queste siano la normalità”.
Le cose sembravano quindi andare per il meglio, con il danese sempre più al comando della generale, finché un giorno il telefono di Theo de Rooij, l’allora direttore sportivo della Rabobank, suonò:
“Non potevamo credere che gli affari in Messico avrebbero potuto avere conseguenze del genere, finché Rasmussen non venne a bussare alla porta della camera mia e di Boogerd. Appena entrato, potei notare le sue lacrime. “Mi hanno escluso dal Tour”, disse. Boogerd quindi gli chiese: “Cosa? Che intendi?”, così Rasmuessen balbettò:”E’ stato Theo. Theo mi ha escluso dal Tour”.”
La squadra infatti non riusciva a capire come mai Rasmussen fosse stato cacciato dal Tour per aver mentito sulla sua posizione.
“Rasmussen aveva mentito, e quindi? Non avevamo fatto tutti cose che non erano consentite? I dottori della squadra si occupavano solo ed esclusivamente del doping. Personalmente, non avevo mai parlato con De Rooij di doping, ma non potevo immaginare che lui pensasse che Rasmussen potesse vincere il Tour senza doping. Era forse stupido? La politica che lui ed Erik Breukink conducevano era al meglio della tolleranza. Loro ci chiedevano di dare il massimo in ogni competizione, senza voler sapere come. Loro non ce lo domandavano, quindi non sapevano esattamente come andavano le cose”.
Biografia Dekker, la festa rimandata di Parigi

Dekker racconta poi di come fu difficile per i corridori della squadra presentarsi al via della tappa il giorno seguente, e di come i festeggiamenti a Parigi non andarono come da programma.
“Quando raggiungemmo la sede di partenza gli spettatori iniziarono a fischiarci. Ci urlavano “dopati”, “imbroglioni”. Micheal (Boogerd, ndr) colpì addirittura con un pugno un ragazzo che gli aveva detto qualcosa riferito al doping in olandese”.
“Era stata programmata una grande festa, avremmo dovuto raggiunto il quartier generale della Rabobank su un treno tutto giallo, ma invece andammo tutti insieme in un hotel di Parigi. Non c’era niente da festeggiare”.
Kaamos non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 28-11-2016, 13.05.41   #126
Kaamos
Moderatore
 
L'avatar di Kaamos
 
Data registrazione: 01-09-2007
Residenza: frottoland
Messaggi: 18,418
Predefinito

zeppitudo

Citazione:



Doping nelle palestre: indagato anche Mimmo Cirillo, attore in un film cult con Stallone. Ecco le palestre sequestrate


Province di Caserta e Napoli - Nandrolone, Cialis e ormoni della crescita erano solo alcuni dei prodotti che un’organizzazione criminale italo-ucraina smerciava illegalmente in cinque palestre di Napoli, Casoria, Vitulazio e Marcianise, ora sottoposte a sequestro preventivo.



Gli anabolizzanti e i farmaci venduti arrivavano dall’Est Europa e spesso risultavano essere scaduti o addirittura contraffatti, dato che l’organizzazione era anche abile nel “mascherare” prodotti non sicuri tramite l’uso di confezioni appartenenti a medicinali italiani.



A scoprirli sono stati i Carabinieri di Marcianise che hanno dato seguito all’indagine avviata nel 2015 dalla Procura di Napoli Nord, scoprendo inoltre altri reati tra cui il prestito di denaro con tassi di interessi altissimi, in alcuni casi fino al 50%.



Le forze dell’ordine hanno sottoposto alla misura degli arresti domiciliari quattro persone: si tratta di due italiani, Vincenzo Rocco, nato a Caserta ma residente a Casoria, e Salvatore De Lucia, di Napoli, e due ucraini residenti a Napoli, Andryi Ikkes e Valentina Osyunko. Sottoposti invece all’obbligo di firma presso l’autorità giudiziaria tre italiani gestori delle palestre: sono Rosa D’Alise (Palestra Cordial di Casoria), Domenico Cirillo (Body Fitness Center Marcianise) e Claudio Sinapi (Body Building Center Vitulazio). Altri venti gli indagati, tra cui alcuni personal trainer che ricevevano la merce illegale e la vendevano ai frequentatori delle palestre. (Claudio Senese)


Kaamos non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 10-07-2017, 18.59.45   #127
Kaamos
Moderatore
 
L'avatar di Kaamos
 
Data registrazione: 01-09-2007
Residenza: frottoland
Messaggi: 18,418
Predefinito

Sequestrato l'aiutino...




Alla fiera dell'est, per 2 soldi, un trenbolino mio padre comprò...




Citazione:
Doping, sequestrate 27 mila pillole tra anabolizzanti e farmaci provenienti dall'est Europa




Dall’Europa dell’est

Ci sono stati i primi sequestri, ma gli ulteriori approfondimenti - culminati con l’operazione «Body nutrition», che ha visto l’impiego di decine e decine di finanzieri coordinati dalla procura di Velletri - hanno consentito di disvelare l’esistenza di un gruppo criminale che «spacciava» sula piazza romana elevate quantità di sostanze anabolizzanti di provenienza estera.
La maggior parte dei farmaci infatti, risultati provenienti dall’Est Europa, erano stati acquistati e importati attraverso siti internet specifici, al di fuori dei canali ufficiali. Poi la merce, una volta arrivata, veniva stoccata in magazzini non dichiarati, case e negozi degli appartenenti all’organizzazione dove venivano venduti anche prodotti e integratori dietetici e per il fitness.
Kaamos non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 08-08-2017, 11.39.49   #128
Kaamos
Moderatore
 
L'avatar di Kaamos
 
Data registrazione: 01-09-2007
Residenza: frottoland
Messaggi: 18,418
Predefinito

CUCINA CASERECCIA

Fuori la ricetta.





Citazione:
Sara Errani positiva all’antidoping: due mesi di squalifica. “Colpa dei tortellini”


Tennis
Nel controllo del 16 febbraio scorso trovate tracce di letrozolo.
Ma, come si legge nel dispositivo della sentenza, si è trattato di una contaminazione alimentare: la colpa è dei tortellini in brodo preparati da sua mamma Fulvia.
La tennista su Twitter: "Arrabbiata ma in pace con la mia coscienza"
Kaamos non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 08-08-2017, 14.03.47   #129
ULTRA
Body Builder d' Oro
 
L'avatar di ULTRA
 
Data registrazione: 22-07-2010
Residenza: roma
Messaggi: 14,362
Predefinito

ma che caxxo! mia madre ha sempre comprato tortellini sbagliati...ma porco...!
__________________
LA MISURA PIU' CRUENTA...
E' SPESSO RISCHIOSA...
IN UN AMBITO CRUENTO....
E' LA PIU' SICURA.


claudio.
ULTRA non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 08-08-2017, 14.17.52   #130
princip3 s3n3ca
Body Builder d' Oro
 
L'avatar di princip3 s3n3ca
 
Data registrazione: 11-06-2009
Residenza: parma
Messaggi: 14,857
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da ULTRA Visualizza messaggio
ma che caxxo! mia madre ha sempre comprato tortellini sbagliati...ma porco...!
La cosa grottesca non è la scusa adottata ma il fatto che il giudice le abbia creduto
__________________
Citazione:
Originalmente inviato da Kaamos Visualizza messaggio
Matrimonio, moglie, figli, lavoro e vita sociale non sono propedeutici al bodybuilding.
Il nostro consiglio è di eliminare le cause di distrazione e consacrare la tua vita a fratello acciao e sorella ghisa.
Citazione:
Originalmente inviato da Kaamos Visualizza messaggio
i responsi ad ogni post wo debbono essere necessariamente:
1) delirio di onnipotenza
2) ascesi dopaminica
3) prepotenza egomuscolare
se a fine wo non ti senti un Dio, strafottente e sprezzante dell'umanità, hai fallito.
princip3 s3n3ca non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 13-08-2017, 00.18.55   #131
princip3 s3n3ca
Body Builder d' Oro
 
L'avatar di princip3 s3n3ca
 
Data registrazione: 11-06-2009
Residenza: parma
Messaggi: 14,857
Predefinito

Pensieri positivi
Immagini allegate
Tipo file: jpg IMG_0405.jpg‎ (8.6 KB, 1 visite)
__________________
Citazione:
Originalmente inviato da Kaamos Visualizza messaggio
Matrimonio, moglie, figli, lavoro e vita sociale non sono propedeutici al bodybuilding.
Il nostro consiglio è di eliminare le cause di distrazione e consacrare la tua vita a fratello acciao e sorella ghisa.
Citazione:
Originalmente inviato da Kaamos Visualizza messaggio
i responsi ad ogni post wo debbono essere necessariamente:
1) delirio di onnipotenza
2) ascesi dopaminica
3) prepotenza egomuscolare
se a fine wo non ti senti un Dio, strafottente e sprezzante dell'umanità, hai fallito.
princip3 s3n3ca non è connesso   Rispondi citando
Rispondi

Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 16.07.35.


Powered by vBulletin versione 3.7.0
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana : www.vbulletin.it
Body Building Italia 2002-2013